IL GIOCO PUO' CAUSARE DIPENDENZA - IL GIOCO E' VIETATO AI MINORI DI ANNI 18 - INFORMAZIONI SULLE PROBABILITA' DI VINCITA SONO SU WWW.AAMS.GOV.IT

Nel poker si è vincenti nel lungo periodo

 


lungo-periodo-poker

Molto spesso i giocatori poco esperti non si rendono conto che esiste una notevole differenza tra una mano giocata male e aver perso il piatto, ed una mano giocata bene e aver perso comunque il piatto.

Beh, si potrebbe obiettare sul fatto che comunque si è perso il piatto. Errato! C’é una differenza vitale che spiegherò meglio con un esempio concreto.

Durante un Sit and Go, quando i bui si erano alzati, mi capitarono due Assi in mano al preflop.
Ovviamente rilanciai in modo sostanzioso ed un avversario decise di vedere.
Il flop con 8 – 3 – 2 non destava nessun pericolo.

Giocando fuori posizione decisi di fare una continuation bet, mentre l’avversario senza paura optava per un rilancio.
Ero convintissimo di avere la mano migliore ed un ottimo punto, con quel flop correvo veramente pochi rischi e quindi All-in obbligatorio. L’avversario vide, in mano aveva k – 8,

Le percentuali al flop:

Vittoria mia 81,62%
Vittoria avversario 18,38%
Il che significa che ripetendo questa mano un numero sufficentemente elevato di volte, 4 volte su 5 risulterò vincitore ed una volta sola mi capiterà di perdere.

Anche se le probabilità erano a favore mio, ho comunque perso, la fortuna mi ha tirato un brutto scherzo, ma non importa, l’81,62% di probabilità non significa vincere sempre, né tantomeno significa che le prime 4 volte si vince e l’ultima volta si perde, ma significa che prendendo le scelte giuste nel lungo periodo, le probabilità a favore mi faranno vincere.

Ecco perché aver perso un piatto con una mano giocata bene non è la stessa cosa di aver perso un piatto con una mano giocata male. Il giocare bene ti porterà a fare soldi, non necessariamente nel breve periodo; il giocar male porterà inesorabilmente a perdere (ed anche qui non necessariamente nel breve periodo dove si può anche vincere qualcosa in modo fortunato).

Le probabilità sono importanti, ma attenzione a non darle il giusto significato: Vincere 4 volte su 5 non significa che ogni 5 mani se ne vincono sempre 4, ma significa che nel lungo periodo mediamente 4 saranno vincenti, questo non esclude dunque la possibilità che (nell’esempio precedente, pur avendo più dell’80% di probabilità a favore) si possa perdere anche 3-4 volte di fila (anche se improbabile). L’importante è quindi giocare bene, il tempo ci farà vincere.

 
You can leave a response, or trackback from your own site.

One Response to “Nel poker si è vincenti nel lungo periodo”

  1. […] di giocare un elevato numero di mani senza realizzare alcuna vincita. Se è vero che nel lungo periodo la fortuna conta poco , questa può invece giocare brutti scherzi nel breve periodo, ecco perché […]

Leave a Reply

*