IL GIOCO PUO' CAUSARE DIPENDENZA - IL GIOCO E' VIETATO AI MINORI DI ANNI 18 - INFORMAZIONI SULLE PROBABILITA' DI VINCITA SONO SU WWW.AAMS.GOV.IT

Tasse su vincite sopra i 500€, poker online non toccato

 


Tasse, tasse e ancora tasse, il buco di quasi 2 mila miliardi di euro che l’ultimo governo ha lasciato agli Italiani deve essere in qualche modo ridimensionato, è quali sono i settori dove è più facile fare cassa? Ovviamente quelli che riguardano vizi e passioni!

Tabacchi, alcolici e giochi sono i settori che meglio si prestano a questo scopo perché a fronte di un aumento della tassazione non registrano significativi cali.

Secondo il recente decreto attuativo di Aams, i giocatori che dovessero vincere somme superiori a 500€, saranno soggetti ad un ulteriore prelievo fiscale.
Infatti, ogni gioco è già tassato alla fonte, ecco perché di norma non si pagano tasse sulle vincite, ma purtroppo adesso non sarà più così, in un momento di grande crisi mondiale bisogna recuperare più denaro.

Il decreto interessa giochi come il Lotto, le Lotterie e i Giochi numerici (Superenalotto), ma non le scommesse sportive e quelle ippiche che negli ultimi anni hanno evidenziato cali di giocate, il Bingo che solo da un breve periodo sembra essersi ripreso, e tutti i giochi a distanza, quindi anche il poker online.

Fortunatamente dunque, almeno per il momento i giocatori di poker italiani possono stare tranquilli, il poker non verrà toccato dal provvedimento, anche perché, dopo una lunga battaglia tesa a scoraggiare il gioco nelle sale .com, una ulteriore tassa rischierebbe di ridurre la competitività delle poker room italiane, con prevedibile fuga di giocatori proprio verso le rivali .com ed un risultato finale opposto all’incremento dei proventi ricercato.

Proprio perché si cerca di rastrellare più denaro possibile, non sono esclusi colpi di genio futuri, anche se al momento, l’unica ulteriore possibile novità potrebbe essere la regolamentazione del poker live.

 
You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

*