IL GIOCO PUO' CAUSARE DIPENDENZA - IL GIOCO E' VIETATO AI MINORI DI ANNI 18 - INFORMAZIONI SULLE PROBABILITA' DI VINCITA SONO SU WWW.AAMS.GOV.IT

Poker: Il teorema di Beluga

 


Il Beluga è un cetaceo di grandi dimensioni che raggiunge mediamente i 5,5 metri di lunghezza, e i 1200-1600 chili di peso.
Il teorema di Beluga, o anche detto del Beluga, prende appunto il nome dall’imponente mammifero per indicare la forza dell’avversario.

Questo teorema non è molto conosciuto nel mondo del poker, neanche tra alcuni professionisti, o semi-professionisti, ma è davvero importante perché se osservato, è in grado, alla lunga, di farci risparmiare davvero tanto denaro.

In sostanza, il teorema di beluga è una sorta di campanello d’allarme, perché ci diche che di fronte ad un avversario che ci ha chiamato al pre-flop, ci ha chiamato al flop, e poi ci contro-rilancia al turn, probabilmente è molto forte.
In questo caso dunque, è bene fare molta attenzione al punto che si ha in mano: Una top pair, anche con un buon kicker potrebbe non essere sufficiente per aggiudicarsi il piatto.

Analizziamo il possibile comportamento di un avversario che ci contro-rilancia (sarebbe lo stesso nell’ipotesi di un check raise) al turn, dopo averci chiamato in due occasioni (pre e post flop).
Nella più probabile delle ipotesi, l’avversario aveva già un buon punto prima del flop (può anche averlo migliorato con il flop), la chiamata pre-flop e poi al flop è dunque uno slow play.

Giunti al turn, come pensate che un avversario debba comportarsi? Deve aggredire, questo è infatti il momento migliore per cercare di aggiudicarsi la mano (evitando così che il river possa compromettere il gioco in slow play intrapreso in precedenza), e di aumentare il piatto.
Un avversario si comporterebbe in questo modo anche nell’ipotesi di un buon punto chiuso proprio al turn, quindi, pensateci bene, una mano del genere nasconde quasi sembre una monster avversaria.

Chiaramente si tratta solo di un teorema, questo non vuol dire che è d’obbligo passare in queste occasioni, è infatti opportuno decidere sempre in base all’avversario che si ha davanti, anche se, nalla maggior parte dei casi, e per la maggior parte dei giocatori funziona egreggiamente.

I giocatori che invece riducono (e questo non vuol dire che il teorema non è più applicabile, ma solo che bisogna stare più attenti) l’efficacia del teorema, sono i super aggressivi maniaci del gioco aperto, chi tenta di emulare professionisti del calibro di Minieri, e i giocatori molto esperti.

I super aggressivi hanno spesso un gioco poco prevedibile, mentre gli esperti giocano ad un livello di pensiero superiore al normale e quindi potrebbero tranquillamente utilizzare la conoscenza del teorema a proprio favore.

 
You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

*