IL GIOCO PUO' CAUSARE DIPENDENZA - IL GIOCO E' VIETATO AI MINORI DI ANNI 18 - INFORMAZIONI SULLE PROBABILITA' DI VINCITA SONO SU WWW.AAMS.GOV.IT

Un strategia essenziale: il Re-Steal

 


Il Re-Steal è una strategia che viene utilizzata per combattere lo steal, ovvero il tentativo da parte di un avversario di rubare i bui. La tecnica deve essere utilizzata correttamente e nelle giuste situazioni, altrimenti può dimostrarsi parecchio deleteria.

Questa è una di quelle strategie che vanno utilizzate su misura, nel senso che bisogna inquadrare i giusti avversari affinchè la stessa funzioni correttamente.

Cosa significa re-steal: Fare re-steal significa rilanciare un avversario che si sospetta essere in bluff, e che ha bettato con l’obiettivo di rubare i bui.

Quando si utilizza il re-steal: Nei tornei e nei sit and go il re-steal può essere utilizzato quando i bui sono cresciuti, e quindi in pratica quando ha senso rilanciare solo per rubare i bui. Nel cash game si utilizza in quei tavoli dove il Cutoff e l’Hijack tendono spesso a rubare i bui. Ricordiamo che il Cutoff e l’Hijack sono i due avversari che precedono il Dealer
Come si utilizza: Bisogna rilanciare dal bottone o dai bui.

Contro quali avversari giocare

Gli avversari devono essere loose, cioè aperti, ma attenzione ai maniaci, ovvero a quei giocatori che anche senza nulla in mano, dopo il tuo re-steal ti manderebbero all-in.
Da evitare i chiusi-aggressivi, che sono quei giocatori che giocano molto poco, ma quando lo fanno giocano in maniera aggressiva.

Da evitare anche i giocatori asini che si limiterebbero semplicemente a limpare il re-steal.

Il re-steal va infatti utilizzato contro bravi avversari, cioè contro quegli avversari che normalmente fanno lo steal, quindi tendono a rubare i bui. Proprio perché sono bravi, sanno benissimo che lo steal non si fa con AA, bensì con un range di mani abbastanza aperto, quindi sanno bene che se il loro steal viene rilanciato, la soluzione migliore consiste nel foldare.

Con quali carte fare lo steal

Le carte non sono fondamentali, anche perché il re-steal altro non è che un contro-bluff ad un tentativo di bluff, quindi conta più l’immagine che gli altri hanno di te, che le carte stesse. E’ fondamentale infatti che i giocatori al tavolo ti considerino un giocatore chiuso, cioè uno di quelli che entra nella mano solamente con buone carte.

In linea generale però, è bene fare re-steal con alcune carte!

Le piccole coppie, come i suited connector, cioè due carte in sequenza dello stesso seme, sono l’ideale, perché difficilmente dominati. Infatti, se l’avversario chiama il tuo re-steal, dovendo giocare, con carte del genere, se indovini il flop rischi veramente di fargli male, se invece il flop non è favorevole sarà più semplice per te foldare.

Come fare re-steal

Se sei uno dei bui, piccolo o grande, ma anche se la tua posizione è dal bottone puoi fare re-steal.

Di solito, dato che al primo giro di puntate si inizia dall’under the gun, se tutti foldano, è molto probabile che il Cutoff, l’Hijack o il bottone tenderanno a rubare i bui, molto più spesso è il bottone. Quindi, se tutti hanno in precedenza foldato, mentre uno di questi ha rilanciato (solitamente è il bottone) e sei sicuro che si tratta di una puntata tesa a rubare i bui, allora fai re-steal.

Quanto puntare

Di norma uno steal si fa con una puntata standard, quindi con una 3bet, cioè rilanciare tre volte il buio. Per fare re-steal è sufficiente tribettare il re-steal

 
You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

*