IL GIOCO PUO' CAUSARE DIPENDENZA - IL GIOCO E' VIETATO AI MINORI DI ANNI 18 - INFORMAZIONI SULLE PROBABILITA' DI VINCITA SONO SU WWW.AAMS.GOV.IT

Il flop: IL momento più importante nel poker Texas Hold’em

 


Il primo passo verso la vittoria della mano consiste nel comprendere come affrontare il flop, e di conseguenza come affrontare gli avversari. Il flop è quindi la fase più importante di ogni mano. Purtroppo non esistono regole esatte per ogni circostanza, se fosse così il poker non sarebbe più un gioco d’abilità e di strategia, ma un semplice gioco matematico.

Tuttavia è chiaro che per far bene è sufficiente seguire delle linee guida:

Cosa hanno fatto i tuoi avversari?

Per prima cosa bisogna studiare il gioco dell’avversario:

1. Ha fatto call o ha rilanciato?

2. Si trovava in posizione oppure è entrato nella mano fuori posizione?

3. E’ un giocatore chiuso, oppure aperto?

Rispondi a queste domande e nel 90% dei casi saprai cosa fare in ogni circostanza.

Call o rilancio?

Un giocatore rilancia per due motivi: Perché ha un buon punto e quindi vuole sfoltire il numero di giocatori che arrivano al flop, oppure perchè vuole rubare il piatto, magari attraverso un bluff. Tieni presente che se un giocatore rilancia al pre-flop, al flop tenderà a continuare il suo gioco in maniera aggressiva.

Tranne casi di giocatori asini, dopo un rilancio, per non mostrare debolezza, è necessario entrare al flop con una congrua puntata. Lo stesso può dirsi nell’ipotesi di un bluff, anche se il flop si presenta parecchio rischioso. Come conseguenza, è sempre opportuno entrare in gioco solo quando si ha un buon punto pre-flop, e comunque evitare mani con parecchi giocatori.

Posizione

La prima cosa che gli esperti giocatori insegnano ai principianti, consiste nella posizione al tavolo. Un buon giocatore quindi limita le sue entrate nella mano durante le posizioni migliori. Migliore è la posizione, più largo è il range di mani giocabili. Valuta attentamente se il tuo avversario entra in gioco in posizione oppure no e se lo stesso entra spesso in gioco.

Nel primo caso infatti è molto probabile che come te, si limiti ad entrare nella mano solo con buone carte e quando ha buone probabilità di vittoria. Nel secondo caso invece, si tratta di un soggetto che entra in gioco in qualsiasi momento, probabilmente con qualsiasi tipologia di carte.

Chiuso a aperto

Un giocatore chiuso è un giocatore solido, ovvero capace di entrare in gioco solo quando le circostanze gli offrono buone probabilità di vittoria. Un giocatore aperto entra spesso in gioco, quindi anche con mani spazzatura. Un rilancio da giocatori aperti non deve destare troppa paura, anche se bisogna sempre procedere con molta attenzione.

Al flop

Al flop devi quindi valutare i tre punti sopra esposti, oltre che la forza del tuo punteggio ed eventuali progetti. Valuta attentamente le tre carte scoperte e tieni a mente che se il flop per te è cattivo, non è detto che lo stesso sia per gli avversari. Tre carte dello stesso seme possono non servirti, ma al contrario essere un progetto per qualche avversario.

 
You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

*