IL GIOCO PUO' CAUSARE DIPENDENZA - IL GIOCO E' VIETATO AI MINORI DI ANNI 18 - INFORMAZIONI SULLE PROBABILITA' DI VINCITA SONO SU WWW.AAMS.GOV.IT

Il poker live e gli italiani

 


Il poker live (e in particolare il Texas Hold’em) gode ormai di una popolarità straordinaria, e il fenomeno non accenna a scemare. E’ questo il segnale che deve riportare l’attenzione su un mondo che troppo spesso è stato trascurato. Si, esistono delle leggi, ma nessun regolamento che sia effettivamente attuativo.

Domenico Tresa, presidente di Italian Rounders, aveva recentemente dichiarato: “Abbiamo fatto delle stime: al momento vi è una raccolta di 20 milioni di euro mensili, calcolando solo le attività evidenti (ad esempio prendendo in considerazione i circoli che fanno pubblicità degli eventi). Diciamo che all’anno vengono giocati circa 250 milioni di euro l’anno nei tornei, senza prendere in considerazione altre attività vietate come il cash”.  

Dati che vengono confermati anche dalle ricerche emerse in occasione della Fiera Enada a Rimini: In tutta Italia, 2 milioni gli italiani giocano a poker live in circa 600 circoli (per la maggior parte in Puglia, Lombardia, Campania e Lazio), sfiorando i 250 milioni di euro all’anno.

Con questo potenziale, è ridicolo che ancora non si sia giunti ad una corretta regolamentazione. Anzi. Il Texas Hold’em è esploso nelle poker room, e per tutta risposta la Legge Comunitaria ha costretto alla chiusura quasi due terzi degli oltre duemila circoli attivi di poker live. Negli ultimi anni, questo clima di  incertezza, al quale vanno aggiunte recenti sentenze favorevoli giuridiche, ha portato alla riapertura di un centinaio di circoli.

Dopo la legge di stabilità del 2011, il Ministero dell’Economia ha previsto per le casse statali un miliardo di euro di giocate solo per il primo anno di attività, grazie all’attivazione di 500 poker rooms autorizzate da AAMS. 30 milioni (dato il prelievo del 3% sulle quote di iscrizione) di tassazione sul “giocato, più altri 50 milioni sugli incassi dell’assegnazione delle concessioni (con una base d’asta di 100.000 euro). Se dovesse essere attivata la rete, si creerebbero tra i 15.000 e i 18.000 posti di lavoro.

 
You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

*