IL GIOCO PUO' CAUSARE DIPENDENZA - IL GIOCO E' VIETATO AI MINORI DI ANNI 18 - INFORMAZIONI SULLE PROBABILITA' DI VINCITA SONO SU WWW.AAMS.GOV.IT

Saper foldare è l’arma dei campioni

 


E’ facile saper rilanciare con buone carte in mano, più difficile è invece saper foldare, perché non tutti sono capaci di leggere gli avversari, o di passare con una mano molto forte, anche quando quella avversaria è in grado di batterla.

Ad esempio, supponiamo di avere in mano due AA, al preflop, il nostro rilancio viene chiamato, al flop e al turn l’avversario manifesta segni di superiorità. In questo caso, quanti di voi sarebbero capaci di foldare pur avendo intuito di essere battuti?

Molti si lasciano trascinare dalla curiosità e da una sorta di necessità di arrivare fino alla fine. Questo porta a perdere mani che si sarebbero potute evitare. Perché regalare denaro quando si sa di avere la mano peggiore?

Certo, non si gioca a carte scoperte e quindi si può solo suppore che l’avversario sia messo meglio, non si può essere certi, però, iniziare a valutare l’ipotesi di foldare è già un inizio. Ricordate che saper foldare è un’arma, non è sempre un segno di debolezza.

Imparate a leggere gli avversari, state attenti ai tells, e soprattutto non pretendete di vincere per forza alcune mani, soprattutto nelle prime fasi di un torneo quando in una situazione difficile o complicata, il fold potrebbe rivelarsi la scelta migliore.
E’ vero che anche un giocatore super chiuso e solido è capace di bluffare al momento giusto, ma 9 volte su 10, quando manifesta segni di forza, in realtà è veramente forte.

Tenete presente che se decidete di arrivare alla fine, le volte che la vostra curiosità vi avrà dato ragione, potrebbero non essere sufficienti a compensare quelle volte che invece sarebbe stato meglio passare.

 
You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

*