IL GIOCO PUO' CAUSARE DIPENDENZA - IL GIOCO E' VIETATO AI MINORI DI ANNI 18 - INFORMAZIONI SULLE PROBABILITA' DI VINCITA SONO SU WWW.AAMS.GOV.IT

Quando conviene chiamare al flop

 


Sembra scontato dirvi che una buona mano va giocata in modo aggressivo o con un gioco slow a seconda del flop, del numero di avversari ancora in gioco, ma soprattutto a seconda del tipo di avversari che vi trovate di fronte e di come questi hanno giocato il pre-flop.

Si tratta di una serie di situazioni da valutare prima di decidere quale mossa effettuare.

Un avversario che ha rilanciato pre-flop, tenderà a rilanciare anche al flop.
Un avversario aggressivo, lo è sia al pre-flop che al flop, lo stesso può dirsi di un giocatore chiuso.

Quindi, quando conviene chiamare al flop?

Per decidere se conviene chiamare al flop bisogna valutare quanto detto sopra:

Se il flop è molto pericoloso, per esempio con un progetto di scala o di colore, bisogna andare cauti e valutare l’ipotesi di foldare, soprattutto se il tuo punto ha poche possibilità di vincere la mano senza che gli avversari debbano foldare.

Fondamentalmente, anche una coppia di Assi è foldabile se il flop è estremamente pericoloso.
In generale però, risulta conveniente chiamare quando con tale azione sperate che il turn o il river sia a voi favorevole, quindi scenda giù una carta che migliori la vostra situazione.

Per decidere se proseguire o meno nella mano, bigna valutare il numero di avversari ancora presenti nel gioco, la posizione, la puntata da chiamare e le probabilità di vittoria.
Se ad un punteggio basso si affianca anche un numero elevato di avversari, probabilmente è più conveniente passare.

Se la chiamata richiede un elevato investimento, bisogna capire se l’avversario sta bluffando, magari ha un progetto, e quindi ha deciso di spingere semplicemente per mettervi pressione.
Più è bassa la puntata dell’avversario, più conveniente potrebbe risultare il call, come d’altra parte, minori rischi presenta il flop, più è probabile che anche gli avversari non stiano messi bene.

Ricordiamo comunque, che è sempre bene entrare nella mano con un raise o una puntata, secondo la regola generale push or fold. Il call è spesso segnale di debbolezza o attesa, ad esempio speranza che si chiuda un progetto, spesso leggibile dai bravi giocatori.

Se invece entri nella mano con un rilancio, in qualsiasi situazione, vero è che investi delle chips, ma è anche vero che sarai difficilmente leggibile, e quando il tuo avversario penserà che stai bluffando, potrebbe essere il momento giusto per tendergli una trappola.

In conclusione, limitate i call al flop a pochissime mani, perché è sempre meglio rilanciare o foldare, che vedere una mano. Tuttavia, potrebbe essere conveniente fare call nell’ipotesi di un buon punteggio, cercando quindi di rallentare il gioco per far credere all’avversario di non star messo bene.

 
You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

*