IL GIOCO PUO' CAUSARE DIPENDENZA - IL GIOCO E' VIETATO AI MINORI DI ANNI 18 - INFORMAZIONI SULLE PROBABILITA' DI VINCITA SONO SU WWW.AAMS.GOV.IT

Che cosa significa all-in nel poker Texas Hold’em?

 


All-In, All-In, All-In e ancora All-In. Chiunque e ripeto chiunque inizi a giocare a poker la prima cosa che impara è sicuramente l’All-In.
Poi come lo pronuncia il mitico Ciccio Valenti è fantastico, viene sicuramente voglia di giocare a poker e di andare All-in.

Ma che cosa significa questa parola?
E’ chiaro, solo chi comincia proprio dall’inizio non sa cos’è l’All-in, ma pazienza, per imparare bisogna iniziare e quindi non scoraggiatevi.

L’All-in è la puntata che potremmo dire caratterizza il no limit poker Texas Hold’em, cioè quella versione del poker Texas senza limiti di puntata, appunto per questo No Limit.

Andare in All-in significa mettere tutte le proprie chips sul piatto, puntare tutto lo stack (il totale delle chips) della partita, significa quindi giocarsi tutto in un solo colpo, senza limiti.

“Vado all in”, o come dicono gli Americani I’m All-in, significa quindi comunicare a tutti gli avversari che si ha intenzione di giocarsi ogni singola chips in quella mano.
Attenzione, dopo essere andati All-in si rimane in gioco solo in tre occasioni:

1. Uno o più avversari decidono di vedere la puntata, ma il nostro punto è superiore e quindi vinciamo.

2. Uno o più avversari decidono di andare All-in, noi perdiamo ma il le chips che abbiamo messo sul tavolo sono in numero superiore a quelle che ogni avversario ha puntato. In questo caso perdiamo solo la parte di chips che sono state coperte dallo stack avversario.

3. Andiamo All-in ma nessun giocatore vede (chiama) la nostra puntata.

Nei tre casi precedenti ci riferiamo a tornei e sit and go, perché infatti nei tavoli cash dopo essere andati all-in e aver perso tutto, si può tranquillamente rientrare in gioco con altre chips.

L’All-in non è solo una puntata, è un’arma, anche se a doppio taglio.
Quando si va all-in è come se si stesse dicendo all’avversario: Vuoi vedere la mia mano? Bene, guarda che io mi sto giocando tutto!
A questo punto la risposta avversaria può risultare estremamente difficile, anche con un buon punto, soprattutto se il suo stack di chips è molto vicino al nostro, in questo caso infatti se decidesse di vedere anche lui si giocherebbe tutto in un solo colpo.

Se invece le sue chips fossero molte, ad esempio 5-4 volte le nostre, la scelta di vedere l’All-in sarebbe meno difficile da prendere, anche con un punto non eccezionale.
Ricordate dunque che non si va All-in a casaccio.

Quando si va All-in non è necessario avere sempre una buona mano, si può tranquillamente bluffare, ma in questo caso si deve avere una quasi certezza che il nostro avversario non chiamerà.

Se l’All-in va in porto questo ci permette (quando le chips dell’avversario sono uguali o superiori alle nostre) di fare un double-up, ovvero di raddoppiare.
Supponiamo di avere 1500 chips e di andare All-in, se l’avversario decide di chiamare e le sue chips sono ad esempio 2000, noi vinciamo 1500 delle sue chps se la mano termina a favore nostro e quindi ci ritroviamo con 3000 chips, mentre all’avversario rimangono 500 chips.

Alcuni esempi per capire meglio l’All-in

Le nostre chips 1500
Le chips dell’avversario “A” 1500
Le chips dell’avversario “B” 3000
Le chips dell’avversario “C” 1000

Andiamo all-in e vede solo l’avversario A
1. Se vinciamo noi ci ritroviamo con 3000 chips mentre l’avversario A va a zero
2. Se vince A al contrario siamo noi ad andare a zero mentre l’avversario raddoppia con 3000 chips

Andiamo all-in e vedono sia l’avversario A sia B
1. Se le mano viene vinta da noi anche in questo caso riceviamo 1500 chips dall’aversario A e altre 1500 da B, così al termine della mano noi ci ritroviamo con 4500 chips, A con zero e B con 1500
2. Se invece vince B, con un solo colpo si libera di A e di noi, il suo stack passa da 3000 a 6000, sia A che noi restiamo a zero.
3. Se vince A si possono fare le stesse considerazioni fatte nel primo punto, ma a favore di A

Andiamo all-in contro C
1. Se vinciamo noi C perde e ci lascia tutte le sue 1000 chips
2. se vince C invece, noi perdiamo 1000 chips ma rimaniamo ancora in gioco perché ci sono rimaste altre 500 chips

Andiamo tutti all-in, che bella ammucchiata (a volte capita nei tavoli di basso livello)
1. Se vince B tutti vanno fuori perché guadagna tutte le chips avversarie
2. Se vince C riceve 1000 chips da noi, da B e da A, ma tutti rimangono ancora in gioco, noi e A con 500 chips, B con 2000
3. Se vince A, C paga 1000 chips ed esce dal gioco, noi paghiamo 1500 chips ed usciamo, B paga 1500 ma gli rimangono altre 1500 per continuare
4. Se vinciamo noi, C paga le 1000 chips ed esce dal gioco, A esce da gioco ma pagando 1500 chips, mentre B rimane in gioco sempre con 1500 chips rimanenti.

 
You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

*